Trekking alps ti invita in Himalaya

Anno di grazia 2006,

finita la triennale mi prendo 2 mesi di pausa da tutto e parto per il mondo. Un viaggio che mi darà molto più di quello che mi aspettavo. Mi aprirà al Viaggio, inteso come scoperta del diverso che si annida anche dentro di me. Vivendo contesti diversi scoprirò meglio me stesso in un never ending journey come dice Obama che mi appassiona sempre più.
Ma ancora non lo sapevo. Ero partito con neglio occhi l’Himalaya. Un’avventura da solo con uno sherpa verso una montagna altissima e un viaggio verso l’ignoto. E così è stato. 14 giorni di trekking. Io e Passang, da soli con i nostri 25 Kg di zaino. Immersi nelle bellezze infinite delle valli Himalayane popolate e vive. Vivissime. Piene di bambini scalzi, di muli e di occhi ridenti. Pieni di splendidi tramonti e cascate incredibili. E poi i ghiacciai e le vette. Inarrivabili. Ma non voglio preannunciarvi niente.
Buona visione.

Avvicinamento 1

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=4lqFxjgehX4[/youtube]

Avvicinamento 2

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=c3q38E-wjwU[/youtube]

Attacco alla vetta

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=sGqkiqTHkNc[/youtube]

e si… non c’è l’abbiamo fatta. Troppo ripido.

… e pensare che quando la stavo pianificando, mesi prima, il destino era già segnato. Il tempo era splendido. La forma anche. L’altitudine non mi dava noia e tutto era perfetto. Semplicemente senza un attrezzatura da montagna ben più considtente dei nostri cordini gli ultimi 200 metri non erano fattibili.

Questa “inutile” oltre che fallita scalata resta uno dei momenti più felici della mia vita.

W le Montagne, W la Natura, W la Vita.

trekking alps

6 commenti su “Trekking alps ti invita in Himalaya”

  1. Tanta tanta invidia!! E se posso, un’impresa come questa non può essere mai un “fallimento”; il vero significato e tesoro sta in ogni passo compiuto fin lassù, in tutto ciò che ti rimane dentro e in come l’hai vissuto. Ovvio che raggiungere la vetta sarebbe stato fantastico, ma forse è un pò come la metafora della vita di ogni giorno…ciò che ci spinge a continuare, a lottare è quello che non abbiamo ancora raggiunto. 🙂

    Rispondi
    • ieri avevo una maglietta regalatami da mia sorella che recita: “the more I see the less I know the more I like to let it goes”. Credo sia un po così. Più si scopre meno si capisce e più si lascia che le cose vadano come devono senza pretendere di capirle o controllarle. Quell’inverno passato in compagnia di una “fauna” umana così particolare mi ha regalato una prima lezione di incomprensione che sempre più si sviulppa man mano che cresco:)

      Rispondi
  2. wow.. che stupenda avventura!!! Fai bene a fare ogni tanto un po’ di revival, per il piacere di tutti 🙂 Queste sono le esperienze che rimangono nel cuore per sempre .. che entrano dentro al tuo essere e poi faranno per sempre parte dell’ossatura, delle radici, dello sguardo di una persona..

    Rispondi
  3. queste sono le esperienze che, banalmente ma GRANDIOSAMENTE, ti cambieranno per sempre!…anche solo vedendo i video ne percepisci….l’esplosione di emozioni!! :))

    Rispondi
    • Grazie Fabrizio!sei sempre molto gentile. non è stato un trekking semplice ma consiglio a tutti di buttarsi nell’ignoto.. sempre meglio aver rimorsi che rimpianti:)… e allora: trekking alps!!!

      Rispondi

Lascia un commento